Con le mani giunte

Per dimenticarsi una mattina

scivolare
gocciolona sulla foglia, pesante, controvoglia
sbadigliare al cielo azzurro frange bianche
senza mano sulla bocca
se il pensiero è una farfalla sopra al fiore
non mi tocca, se il sole piange
triangolini bianchi su di me
e accorcio le mie braccia a croce greca

già le rondini agli organi
suonano passi soli,
a ginocchioni si punisce
la sporcizia dei piccioni,
i giorni tutti con le mani giunte
sfilano i giorni tutti con le mani giunte.

Yamamoto Masao

 

 

 

 

 

Annunci