Spogliami

Spogliami
come il fiore del m’ama non m’ama
dell’anima la pelle pesante
svelami come una verità
devastante, con le dita cullami
di uno strappo avventato –
troppo tardi, o presto,
che importa al passato? –
già il petalo glissa le orme.
 

Pensiero è caduta nel vuoto
e non appena svelata ingiallisco
e mi adagio sul grembo.

 

kokosfer

 

Padre

Padre, perdonami perché ho peccato:
di tutte le vite che mi hai dato
ho seguito un ghiribizzo di verso.

Le scodelle si svuotano,
si installano parabole
e ho rilegato d’agio
cose deprecabili, umane,
o –peggio- non l’ho fatto.

E tu non dormirai sonni tranquilli,
né sicuri, né comodi,
ma tra tutti i nomadi, al freddo,
io sarò quello che guarda le stelle.

 

IMG_5433dd