Nulla

Pensieri nel tritacarta
e soprammobili fumanti
di mozziconi.

Nulla è tornata una mattina
come tornano gli stormi,
ondeggia come loro
senza contorni.
Bella Nulla libera le spalle
dalle ciocche di mogano cadenti, stanno
nude di sentieri persi lungo il viaggio,
le pieghe spesse della gonna sottile,
il rossetto scappato dai contorni,
l’intrecciarsi ostile delle dita,
perdonerai
le carezze svelte,
il pensiero inafferrabile,
lo sguardo muto
la risata inopportuna.

Cosa, in fondo, ti ha negato?

 

Annunci

12 pensieri su “Nulla

  1. Se dopo la domanda finale, rileggi il titolo del post…. Beh… Questa poesia non finirebbe mai.

    😀

    L’ho letta tante volte!!!
    Sei consapevole di tutta questa consapevolezza, o è arte che esce irrefrenabile dal tuo corpo per risvegliarti?

    😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...